fondo-starter.150Il Fondo StartER è un fondo rotativo di finanza agevolata a compartecipazione privata finalizzato a supportare progetti di investimento effettuati da nuove imprese nel territorio regionale dell'Emilia-Romagna. Approvato dalla Regione Emilia-Romagna con Deliberazioni di Giunta n. 1198/13, il Fondo è dotato di un plafond di risorse per 8,710 milioni di euro. Il Fondo interviene concedendo finanziamenti a tasso agevolato. I finanziamenti, nella forma tecnica di mutuo con rientri trimestrali a scadenze fisse , possono avere durata minima di 18 mesi e massima di 84 mesi e di importo non superiore all’85% del progetto presentato, con un minimo finanziato di 25 mila euro ed un massimo di 300 mila euro. DOMANDE A PARTIRE DAL 4 APRILE 2014.

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

 

 

SCHEDA RIEPILOGATIVA

Logo Italia Contributi

Richiedi un Appuntamento a Milano

Richiedi un appuntamento in altre città

Richiedi informazioni

Sei un Commercialista? Collabora con noi​

 

AGEVOLAZIONE

 

Il Fondo interviene concedendo finanziamenti a tasso agevolato con provvista mista, derivante per l’ 80% dalle risorse pubbliche del Fondo (Por Fesr 2007-2013) e per il restante 20% da risorse messe a disposizione degli Istituti di credito convenzionati.

I finanziamenti, nella forma tecnica di mutuo con rientri trimestrali a scadenze fisse , possono avere durata minima di 18 mesi e massima di 84 mesi, compreso di eventuale pre-ammortamento tecnico, e di importo non superiore all’85% del progetto presentato, con un minimo finanziato di 25 mila euro ed un massimo di 300 mila euro.

L’onere effettivo degli interessi a carico dell’impresa beneficiaria, è pari alla media ponderata fra i due seguenti tassi:

 

  • TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) pari a 0% per la parte di finanziamento avente provvista pubblica (80%);

  • TAEG massimo pari all’Euribor 3 mesi mmp 365 + spread massimo del 5% per la parte di finanziamento  con provvista bancaria (20%).

 

Le agevolazioni sono concesse in regime “de minimis” ai sensi del Regolamento CE n. 1407/2013.

 

L’importo dell’equivalente sovvenzione lorda (ESL) relativa al contributo viene comunicato all’impresa beneficiaria da parte del Gestore e viene calcolato quale differenza tra il tasso di interesse praticato sul mercato (pari al tasso di riferimento in vigore fissato dalla Commissione Europea) e l’onere effettivo degli interessi a carico dell’impresa stessa.

BENEFICIARI

  • Piccole e medie imprese (ex Raccomandazione 2003/361/CE del 06/05/2003 e D.M. 18/04/2005 - G.U. 238 del 12/10/2005)
  • Costituite successivamente al 01/01/2011, aventi localizzazione produttiva in Emilia-Romagna.

 

Le imprese dovranno risultare operanti, come attività principale, nelle sezioni della classificazione delle attività economiche (ATECO 2007) di seguito riportate:

  • SEZIONE B "Estrazione di minerali da cave e torbiere", tutta la sezione;
  • SEZIONE C "Attività manifatturiere", tutta la sezione;
  • SEZIONE D "Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, tutta la sezione;
  • SEZIONE E "Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento";
  • SEZIONE F "Costruzioni";
  • SEZIONE G "commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli", limitatamente al gruppo 45.2 "Manutenzione e riparazione di autoveicoli" e alla categoria 45.40.3 "Manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori (inclusi i pneumatici);
  • SEZIONE H "Trasporto e magazzinaggio";
  • SEZIONE I "Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione", limitatamente alle categorie 56.10.2 "Ristorazione senza somministrazione con preparazione di cibi da asporto", 56.10.3 "Gelaterie e pasticcerie";
  • SEZIONE J "Servizi di informazione e comunicazione";
  • SEZIONE L "Attività immobiliari";
  • SEZIONE M "Attività professionali, scientifiche e tecniche";
  • SEZIONE N "Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese";
  • SEZIONE P "Istruzione";
  • SEZIONE Q "Sanità e assistenza sociale";
  • SEZIONE R "Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento";
  • SEZIONE S "Altre attività di servizi".

 

Sono escluse le imprese operanti, come attività principale, in sezioni non ricomprese in quelle sopra indicate.

 

Le imprese non dovranno risultare "Imprese in difficoltà" ai sensi della definizione di cui agli Orientamenti comunitari sugli aiuti di stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà.
 

INTERVENTI AMMISSIBILI

Progetti di investimento effettuati da nuove imprese nel territorio regionale.

 

 

SPESE AMMISSIBILI


Sono considerate ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  • interventi su immobili strumentali quali costruzione, acquisizione, ampliamento e/o ristrutturazione;
    è finanziabile anche l’acquisto di terreni nel limite del 10% del progetto;

  • acquisizione di macchinari, impianti e attrezzature;

  • acquisizione di brevetti, licenze, marchi, avviamento;

  • consulenze tecniche e/o specialistiche;

  • spese del personale adibito al progetto nel limite del 30% del progetto;

  • spese per la produzione della documentazione tecnica necessaria per la presentazione della domanda per un importo massimo pari a 10.000 euro

 

TEMPI DI EFFETTUAZIONE DELLE SPESE

  • I giustificativi di spesa devono avere data successiva al 01/01/2013;

  • Gli interventi dovranno essere realizzati, intendendosi come termine la data di ultimo pagamento, entro un anno dalla concessione del finanziamento.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda può essere presentata, nel periodo di apertura dello sportello, attraverso modalità online con firma digitale.

Prossima apertura prevista:

venerdì 4 aprile 2014  dalle ore 10.00
 

Il Gestore comunicherà l’eventuale sospensione della possibilità di presentare ulteriori domande nel caso in cui le richieste pervenute superino per oltre il 20% le risorse disponibili.

ALLEGATI OBBLIGATORI:


  • Allegato 1 - Dichiarazioni impresa richiedente
  • Allegato 2 - Relazione tecnica e piano previsionale (Business Plan)
  • Pre-delibera/e bancaria/e
  • Visura camerale (validità max 6 mesi);
  • Bilancio ultimo esercizio approvato (completo di relazioni) - se disponibile      
  • Bilancio penultimo esercizio approvato (completo di relazioni) - se disponibile
  • Copia documento identità del firmatario;

 

 

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO